Connect with us

Amazon

Amazon banna 600 marchi cinesi dalla propria piattaforma

Amazon ha recentemente punito col ban seicento di marchi cinesi che con l’inganno attiravano i clienti a scrivere recensioni positive.

Published

on

Amazon ha recentemente bandito dalla propria piattaforma le aziende che si sono impegnate in pratiche illecite che portano a recensioni di prodotti non autentici. Più di 600 marchi cinesi sono stati definitivamente banditi dalla piattaforma del rivenditore online a causa di queste pratiche, ha confermato la società, un’azione volta a preservare l’integrità delle recensioni presentate ai clienti.

Non è un segreto che Amazon abbia dovuto affrontare grandi ostacoli che coinvolgono prodotti contraffatti e frodi di recensioni. Sebbene le recensioni completamente false siano una cosa, ci sono metodi più insidiosi che alcuni venditori usano per mantenere un punteggio più alto sulla piattaforma. Questi metodi possono includere, ad esempio, l’offerta a un cliente una carta regalo o un prodotto gratuito se lascia una recensione positiva.

Inoltre, alcuni acquirenti hanno segnalato di aver ricevuto offerte per rimborsi, beni gratuiti o buoni regalo se eliminano una recensione negativa lasciata per un prodotto. Questo tipo di attività può aumentare artificialmente la valutazione di un prodotto, privando gli altri acquirenti dell’opportunità di ottenere una valutazione accurata di un articolo prima di acquistarlo.

Secondo il South China Morning Post i 600 marchi cinesi permanentemente vietati coprivano più di 3.000 negozi online di Amazon.

Amazon ha poi confermato la questione in una dichiarazione a The Verge. Sebbene l’elenco completo dei marchi eliminati non sia chiaro, gli acquirenti in precedenza avevano notato la scomparsa di alcune offerte popolari di Amazon negli ultimi mesi, tra cui Choetech, Mpow e Aukey.

Amazon ha fatto notare nella sua dichiarazione che questa non è un’azione specifica rivolta solo contro i marchi cinesi, affermando che intraprenderà azioni controtutti i venditori che violano le sue politiche “ovunque si trovino nel mondo”.

 

Continue Reading
Comments

In Tendenza